L'editoriale del Direttore Elio Pariota: "Viaggi interstellari"

Un gemellaggio possibile, parola di NASA. Il Pianeta simile alla Terra si trova a 1440 anni luce da noi, ha un proprio Sole, è grande una volta e mezzo il nostro globo, vive da circa 6 miliardi di anni. Battezzato Kepler 452b potrebbe diventare la nuova casa dell’umanità, giacché gli scienziati ritengono che lì esistano tutte le condizioni climatiche affinché ci possa essere (o ci sia già stata) altra vita. Dunque teniamoci pronti, l’occasione per un bel viaggio interstellare è propizia. Con il caldo che fa e con i pericoli del riscaldamento globale una passeggiata interplanetaria quanto meno ci offrirà la speranza di un clima più sopportabile. E poi volete mettere il brivido di un turismo intergalattico? Siamo certi che un minuto dopo l’annuncio dell’Agenzia spaziale americana i colossi del business si saranno fregati le mani intuendo ciò che potrà diventare lo spazio da qui in avanti: un’immensa autostrada volante per turisti ricconi e per nuovi cercatori di ventura post-Duemila. Resta da scongiurare un piccolo ostacolo: quando l’Universo sarà così “a portata di mano” che ne sarà delle religioni e delle Verità ad esse connesse? Suvvia, non ci pensiamo. E godiamoci il viaggio.

Commenti

  • Foto di Antonio Derinaldis

    Antonio Derinaldis dice:

    Il fatto che ci sia un'altra "Terra" a me non appassiona. Abbiamo già tanto lavoro da fare su quella che abbiamo. Io non ce la faccio....Però il Direttore ci pone una riflessione seria e importante.

    27 Jul 2015 12:16

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *