L’editoriale del direttore Elio Pariota: "Un’alba nuova per l’umanità intera"

La notizia è di quelle che lasciano ampio spazio all’euforia: presto potremmo avere un vaccino universale contro il cancro. Lo avrebbero ideato esperti dell’università Johannes Gutenberg a Mainz, in Germania. Il farmaco avrebbe lo scopo di attivare le cellule del sistema immunitario del paziente e sferrare una forte risposta contro il tumore. A noi comuni mortali non è ancora chiaro quanto ci sia di preventivo e quanto di terapeutico nel vaccino in questione; ma in fondo cosa importa? L’umanità – grazie alla scienza e alla ricerca – si avvia a salutare l’alba di una nuova era sconfiggendo il Mostro alla stessa stregua di come furono debellate altre tragiche pandemie nel corso della Storia: vaiolo, peste bubbonica, colera, influenza spagnola e così via. Lode alla ricerca e alle menti illuminate che la veicolano verso successi di portata planetaria. Lo sappiamo, in queste cose la prudenza non è mai troppa e la medicina ufficiale fa bene a gettare acqua sul fuoco sterilizzando facili entusiasmi. E’ vero, la disillusione potrebbe essere dietro l’angolo. Ma la posta in gioco è troppo alta e la nostra vita troppo breve per non crederci fino in fondo.

Commenti

  • Foto di Pratico

    Pratico dice:

    E' un'ottima notizia per noi, meno per le multinazionali farmaceutiche che sul cancro lucrano da decenni. Speriamo che i costi del vaccino siano alla portata di tutti

    08 Jun 2016 12:17

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *