L'editoriale del direttore Elio Pariota: "Sull’altare della giustizia"

Tutto in tre minuti. Tanto è bastato a Claudio Giardiello per trasformarsi da bancarottiere in pluriomicida. Una gragnuola di proiettili per far fuori tre persone (un magistrato, un avvocato e un ex socio) e ferirne altrettante. Il Tribunale di Milano – nel quale si è aperta un’evidente falla nei sistemi di sicurezza – ha vissuto scene da far west. Dunque, al terrore organizzato si aggiunge anche quello di matrice paranoica. Perché nel caso in specie si tratta proprio di questo, giacché sull’altare della giustizia sono cadute anche persone che giudici non erano. Fa riflettere, però, la levata di scudi da parte dei vertici della Magistratura sul clima pesante che investe il lavoro dei propri operatori e sui tentativi di delegittimare un importante pezzo dello Stato che i costituenti vollero autonomo e indipendente. Credo, in tutta franchezza e col rispetto dovuto, che l’occasione per ricordare a tutti noi lo straordinario e vitale compito dei magistrati di assicurare la giustizia - e per questa via il corretto funzionamento del sistema democratico nel nostro Paese – non doveva essere questa. La tesi che vede la strage come indiretta conseguenza di un disegno complessivo di denigrazione della Magistratura non mi convince. La delegittimazione dei magistrati – che è aberrante per definizione e va contrastata al di là di ogni ragionevole dubbio - è frutto dei rapporti avvelenati degli ultimi decenni. Legarla al gesto di un folle è un colossale errore.

Commenti

  • Foto di susy

    susy dice:

    http://m.napolitoday.it/cronaca/nuove-procedure-sicurezza-tribunale-di-napoli.html Ecco la risposta di Napoli dopo i fatti di Milano. Cosa ne pensate? Può essere questa una soluzione?

    13 Apr 2015 22:04
  • Foto di Domenico Barbuto

    Domenico Barbuto dice:

    Condivido Direttore. Gesti folli, purtroppo, ce ne sono tanti. E quello di Milano rientra in questa categoria. Piena solidarietà ai Magistrati, agli avvocati a tutti coloro che, nel compimento del proprio dovere, si trovano particolarmente esposti a rischi di questo tipo. Ma, in questa vicenda, la strategia ha, senza dubbio, lasciato il passo alla follia.

    13 Apr 2015 12:33
  • Foto di Antonio Derinaldis

    Antonio Derinaldis dice:

    Ma è mai possibile tutto questo? E' mai possibile che la risposta delle autorità competenti sia quella di dire: "non abbiamo più risorse per la sicurezza"... Italia da rifondare.....

    13 Apr 2015 12:54
  • Foto di Mario

    Mario dice:

    Si, ma non si può sottovalutare nemmeno il fatto che il processo in questione, quello in cui era coinvolto l'omicida, andava avanti da molti anni. La lentezza della nostra giustizia è un elemento che va preso in considerazione, anche nel clima di tensione che coinvolge sempre più spesso la macchina di giustizia italiana

    12 Apr 2015 17:16
  • Foto di Giuseppe Cataldi

    Giuseppe Cataldi dice:

    Caro Elio, sono perfettamente d'accordo, ed è la prima cosa che ho pensato anche quando ha parlato il Capo dello Stato, con tutto il rispetto! Il Palazzo di Giustizia di Milano non è il Palazzo dei magistrati ma di tutti gli operatori della giustizia e anche di tutti i cittadini, e, come tu ricordi, sono morti anche un avvocato ed un semplice testimone. Excusatio non petita...... GC

    11 Apr 2015 20:18

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *