L'EDITORIALE DEL DIRETTORE ELIO PARIOTA: PAPERONI STRANIERI, CONDONO O REALPOLITIK?

Definire Paperoni coloro che hanno un patrimonio netto (incluso case e beni di lusso) superiore ad un milione di euro/dollari mi pare un’esagerazione. Questi ricchi di piccolo taglio sarebbero oltre 15 milioni nel mondo secondo World Wealth Report 2016. In verità immagino siano assai più numerosi. Il dato è utile per capire la portata della Flat Tax, la tassa fissa da 100 mila euro all'anno introdotta dal precedente governo, che i ricchi stranieri – ma anche gli italiani che risiedano da oltre 9 anni all’estero – potrebbero versare in unica soluzione per essere a posto con il Fisco italiano e pagare poi regolarmente le imposte nel nostro Paese. Il vespaio di polemiche è assicurato. Si grida alla vergogna di uno Stato che condona i furbi anziché stanarli. I più raffinati colgono pure qualche elemento di lesione di principi costituzionali. Credo tuttavia che il punto sia un altro. Informare a criteri di realpolitik un’azione di governo non mi pare una bestemmia, soprattutto se s’insinua in un solco ampiamente tracciato da altri (Portogallo, Spagna, Irlanda e Inghilterra in primis). Semmai si possono nutrire dubbi sul reale impatto dell’iniziativa: chi è disposto a rientrare per investire in un Paese con un costo del lavoro più alto che altrove, con una rete di trasporti ancora insufficiente, con una giungla burocratica da far annichilire il più indomito degli ottimisti? Niente paura, l’Italia non diventerà mai un “paradiso fiscale”. Ma per l’amor del cielo, smettiamola di mettere altre tasse sui cittadini.

Commenti

  • Foto di Vincenzo

    Vincenzo dice:

    Stanno gettando le basi di un'imposizione fiscale regressiva (chi ha di più paga meno tasse e chi ha meno paga di più) e trasformando il nostro paese in un paradiso fiscale col segreto bancario (top100 dei clienti MPS) e con un forfait in cambio della residenza (come accade alle cayman), perchè del resto un welfare quasi assente costa meno al contribuente aziendale medio ed è competitivo. Ma perchè vi ostinate a votarli ancora?

    12 Mar 2017 11:28
  • Foto di Roberta

    Roberta dice:

    Non so. La Costituzione vale solo per i cittadini italiani? Articolo 53 della Costituzione della Repubblica Italiana recita: Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.Ed aggiunge: Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.

    12 Mar 2017 11:30
  • Foto di roberto

    roberto dice:

    Vedere il debito pubblico attuale in Italia e incentivare i benestanti milionari a versare euro 100.000,00. mi chiedo? quante persone verserebbero questa quota con quali benefici? in altri Stati pagano la meta 50.000,00 e hanno un mercato più ampio per investire i loro capitali. Il nostro mercato cosa offre ai milionari con una nave, aereo, auto di lusso. proprietari di isole, Quali banche Italiane permettono interessi da sogno in italia. vedendo l'intervento del parlamento con leggi per evitare il fallimento di molte nostre banche. Il milionario vero conoscendo la burocrazia nella dichiarazione dei redditi e il non dichiarare il patrimonio reale nel nostro Stato , dove le nostre leggi da inquisizione con multe salate, chi è il pazzo che pagherebbe con dei bruscolini in euro per un milionario o miliardario per avere l''anno successivo l'agenzia delle entrate che ti bussa alla porta per un controllo fiscale. E' solo propaganda per me, chi gestisce questi patrimoni da ricchi sono commercialisti che sconsigliano ai milionari e miliardari di investire in Italia, i quali indicano altri Stati con leggi fiscali migliori del nostro e sono a centinaia.

    13 Mar 2017 21:57

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *