L'EDITORIALE DEL DIRETTORE ELIO PARIOTA: IL BARCONE DI RENZI

Il barcone che nell’aprile del 2015 affondò nelle acque del Canale di Sicilia con 400 migranti (ma si parlò addirittura di 700, tra cui donne e bambini), potrebbe essere trasportato a Bruxelles. Proprio lì, nel cuore dell’Europa; un pungolo a chi si è rivelato distratto e inadeguato a gestire una delle più  immani tragedie degli ultimi anni. L’iniziativa del nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi è meritoria. Con grande sensibilità e tempismo politico il premier ha inteso tenere i fari ben accesi sulla questione: prima impegnandosi a riportare a galla il relitto, poi a spingere fortemente per il trasferimento nella capitale de facto dell’Unione Europea. Non è un caso che l’Alto Commissario per i rifugiati delle Nazioni Unite, insieme ad alcune organizzazioni internazionali, abbia assicurato il proprio sostegno a quella che è giudicata un’ottima idea e una scudisciata alla pubblica indifferenza. A rischio di scivolare nella retorica credo che l’inerzia, la paura e l’egoismo, rappresentino la decadenza morale dei nostri tempi. I valori di solidarietà, di civiltà e di accoglienza che hanno accompagnato la millenaria storia del Vecchio Continente vanno recuperati in gran fretta. Quel barcone – col suo carico di disperati finiti all’altro mondo – servirà a ricordarcelo per sempre.

Commenti

  • Foto di Michele

    Michele dice:

    Forse l'iniziativa servirà a far scoprire che nell'Europa dei muri l'Italia è diventata un grande carcere a cielo aperto. Complimenti Direttore per la scelta del tema in occasione tra l'altro delll'avvicinarsi della giornata del 3 Ottobre dedicata alla memoria delle vittime dell'immigrazione. Ricordo a chi interessato al tema che lunedì su Raitre, in prima serata, verrà trasmesso il docufilm che ha vinto l'Orso d'Oro a Berlino e che rappresenterà l'Italia agli Oscar: Fuocoammare.

    01 Oct 2016 15:32

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati dal simbolo *