L’editoriale del Direttore Elio Pariota: “Codice rosa e violenza sulle donne”

16 Set • L'editoriale del Direttore, Primo Piano • 1057 Letture • 3 commenti su L’editoriale del Direttore Elio Pariota: “Codice rosa e violenza sulle donne”

Il “codice rosa” è una strategia di intervento nella presa in carico delle vittime di violenza. Tutte le vittime, non solo le donne. Perché allora si rapporta il codice rosa quasi esclusivamente ai casi di violenza su di esse? Perché nella fattispecie le cifre sono allarmanti: oltre 2400 casi di violenza sul sesso debole nei primi sette mesi del 2017, circa 11 al giorno; negli ultimi 10 anni il numero delle donne che ha patito maltrattamenti è di quasi 7 milioni.

Quando viene assegnato il “codice rosa” si attiva un gruppo operativo formato da assistenti sociali, magistrati, psicologi, medici, infermieri e così via. Insomma una task force presumibilmente idonea a ripristinare quell’equilibrio psico-fisico che il violentato sembra aver irrimediabilmente smarrito. Eppure questi gruppi operativi spesso mancano del necessario coordinamento con le strutture di assistenza, come i centri antiviolenza.

Di qui il dato drammatico: 9 donne su 10 non denunciano le violenze subite per timore di attivare un circuito giuridico-mediatico dagli esiti imprevedibili. In barba a tale evidenza l’emendamento alla Legge di Stabilità vorrebbe estendere i “codici rosa” in tutti gli ospedali italiani. Prospettive di successo? Francamente lo ignoro.

3 Responses to L’editoriale del Direttore Elio Pariota: “Codice rosa e violenza sulle donne”

  1. Mario Palmiero ha detto:

    Certamente la disorganizzazione delle strutture e il mancato coordinamento dei diversi operatori scoraggiano la denuncia, ma credo che questo sia un aspetto rilevante solamente in un momento successivo. Le donne hanno ancora paura a denunciare per vergogna, per timore, spesse volte trincerandosi dietro alla finta convinzione o il disperato tentativo di pensare che, magari, sono state anche loro, quasi per giustificare il gesto, andare avanti, dimenticare. È il Medioevo. E la colpa è sempre dell’uomo.

  2. Leyla Lunghi ha detto:

    Non servono i Codici Rosa o altro, serve più rispetto.
    Questa la mia opinione da Donna.
    http://alumnipegaso.it/riflessione-sul-tema-del-femminicidio/

  3. Antonio Derinaldis ha detto:

    La situazione è drammatica. Io credo che accanto al Codice Rosa serva assolutamente una Coordinamento di Sportelli Antiviolenza in tutti i comuni italiani. Inoltre, sarebbe auspicabile che le istituzioni culturali incrementassero momenti di approfondimento e riflessione sul rispetto delle donne indistintamente dall’appartenenza religiosa.
    Io mi metto in gioco e potremmo promuovere una Conferenza su questo tema chiamando a raccolta tutti gli attori sociali.
    Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Correlati

« »